venerdì 29 dicembre 2017

WWW...RECAP DEL MESE... DICEMBRE 2017

SALVE A TUTTI VIAGGIALETTORI BENVENUTI O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!

Quello che vi presenterò oggi è lo sfacelo di un lettore ex accanito, ex compulsivo e di cui rimane solamente la voglia di comprare nuovi libri ma poco tempo per leggerli...
Non sono impazzita, ma  sto solo confessando il delitto di non aver letto praticamente quasi nulla in questo ultimo mese dell'anno... eeeee vabbè!!!
Passiamo al racconto di quello che è stato il mio DICEMBRE 2017 con le solite tre domande, vi auguro buona lettura!


Cosa stai leggendo?




Libro che avevo cominciato a leggere a Gennaio e di cui non ricordavo praticamente nulla è LA PIETRA DI LUNA di WILKIE COLLINS. Sappiate che è scoppiato un nuovo amore letterario per me, e fortunatamente molti dei suoi romanzi sono già in mio possesso :-)
Un romanzo giallo e mistery che racconta della sparizione di una pietra preziosa legata ad una leggenda molto particolare. 
Un romanzo misterioso, come lo sono molti dei personaggi che vi si trovano al suo interno. Mi sta piacendo molto e non vedo l'ora di riuscire a parlarvene :-)


Cosa hai finito di leggere?





Romanzo d'esordio di MAX PERONTI è OMEGA. L'ARMATA DEI RIBELLI. Un fantasy molto particolare che racconta la storia di un regno sottoposto alla dittatura di Zorks un uomo violento e poco umano che nella convinzione di essere perfetto non si rende conto di tradimenti, ribellioni e rivolgimenti che il suo regno sta subendo.
Un romanzo che mi è piaciuto molto e di cui potete leggere la recensione cliccando sul titolo, se non l'avete letta. 
Un romanzo d'esordio ben costruito e che lascia con la voglia di conoscerne di più dei suoi personaggi.










Altra lettura completata in questo mese di Dicembre è UN SEGRETO NON E' PER SEMPRE di ALESSIA GAZZOLA.
Secondo romanzo di una serie di sette, per il momento, in cui seguiamo le vicende lavorative e amorose dell'imbranata dottoressa Alice Allevi.
Un romanzo di stampo giallo ma con delle sfumature di romanticismo che lo rendono molto fresco e frizzante.
Le indagini si alternano a momenti di vita quotidiana e lavorativa che ci permettono di avere maggiore empatia con i personaggi della storia, consigliato!









Cosa hai intenzione di leggere in seguito?




Una delle mie ultimissime entrate in libreria dopo la visita a Più libri più liberi di cui sto preparando un post (o due) sarà sicuramente la mia prossima lettura. TUTTO QUELLO CHE NON RICORDO di JONAS HASSEN KHEMIRI è un romanzo a metà tra giallo e ricerca della verità. Un romanzo particolare di cui non voglio sapere molto della trama, sempre perché io sono una di quelle lettrici che vuole farsi travolgere dagli eventi raccontati tra le pagine. Spero che sia una lettura bella da affrontare e di cui vi parlerò sicuramente nel prossimo Gennaio :-)


Bene questo è stato il mio ultimo mese di letture... Avevo detto che avrei letto di più per via della giornate di ferie legate alle feste ma, evidentemente non è stato così. In realtà non importa, leggere di più o di meno ma basta che si faccia, ecco il mio motto.
Fatemi sapere se conoscete qualcuno di questi romanzi e se vi sono piaciuti o meno. Io vi saluto e vi mando un grande abbraccio, BUONE LETTURE VIAGGIATORI!!!

mercoledì 27 dicembre 2017

RECENSIONE "UN SEGRETO NON E' PER SEMPRE" di ALESSIA GAZZOLA

SALVE A TUTTI VIAGGIALETTORI BENVENUTI O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!

Dopo la maratona mangereccia che ha impegnato tutti (chi più chi meno) durante questi giorni è il momento di tornare a parlare di libri e lo faccio con una rilettura fatta perché sentivo la mancanza di questo personaggio. E' strano, mi succede molto raramente, eppure è stato così. Vi racconto le mie idee in quella che sarà l'ultima recensione del 2017, buona lettura!!!
Ah... Ma avete notato che ho cambiato la grafica del mio angolino?? Spero vi piaccia tanto quanto me, non è che chissà cosa abbia fatto ma sentivo la necessità di un cambiamento più... minimal, ecco :-)


TRAMA: L'Istituto di Medicina Legale ormai è diventato un luogo di umiliazione continua per la dott.ssa Alice Allevi, specializzanda sempre più convinta di aver trovato la sua strada proprio lì. Il caso, questa volta, ha voluto che un grande scrittore internazionale divenisse oggetto del suo interesse, Konrad Azais. Un uomo scorbutico e oggetto di una causa di interdizione indetta dai suoi figli. 
Una lettera enigmatica e un segreto racchiuso in un soggetto insospettabile sono alcuni degli ingredienti di questo romanzo. Starà ad Alice aiutare il commissario Calligaris a risolvere quella che sembra essere una morte naturale ma che ha tutto per non considerarla tale.

Titolo: Un segreto non è per sempre
Autore: Alessia Gazzola
Casa Editrice: Longanesi
Anno:  2012
Pag: 415
Prezzo: 17,60 euro



VALUTAZIONE:



Quando mi sono comprata il primo libro di questa serie l'autrice era molto lontana dall'avere il successo di cui gode adesso, eppure qualcosa mi aveva colpito di questo personaggio così imbranato ma appassionato al suo lavoro.
Questo è sicuramente il filo rosso che collega tutti i romanzi che compongono la serie, di cui ne sono stati pubblicati, ormai, sette, (l'ultimo è ARABESQUE) che ancora devo recuperare.

Mi succede raramente di rileggere dei libri, ma da quando ho visto la serie tv, che è stata tratta da questi romanzi, ho sempre pensato che prima o poi una ripassatina generale l'avrei data e quindi eccomi qui a parlarvi del secondo volume di una serie che, secondo il mio modesto parere, merita tutto il successo che sta avendo.

In UN SEGRETO NON E' PER SEMPRE la passione per la lettura della nostra protagonista si concentra su Konrad Azais, uno scrittore ungherese che i figli cercano di far interdire per il sospetto (concreto) di una negata eredità nei loro confronti. E' qui che la nostra Alice fa il suo ingresso, sarà lei, infatti, ad affiancare il dott. Anceschi e lo psicologo a studiare il paziente. Tutto questo diventa di fondamentale importanza nel momento in cui lo stesso Azais viene trovato morto nella sua camera, per quella che sembra essere una morte naturale. Il caso si infittisce e Alice si trova di nuovo invischiata in un caso da studiare sotto le strette dipendenze di Claudio Conforti e la Wally.

Questa più o meno è la trama di quello che è un romanzo giallo che unisce alla ricerca del colpevole una vena di romanticismo, umorismo e ironia sapientemente dosate.

Il personaggio di Alice è sicuramente quello a cui ci si affeziona più facilmente, sia per le sventure e le sfighe che sembrano perseguitarla sia per i lampi di genio che dimostra con le sue intuizioni sempre più mirate.A parte Alice, però, credo che la Gazzola sia riuscita, anche questa volta, a gestire bene il carnet di personaggi che ci ha già presentati nel primo libro e di cui rimane fin da subito un ricordo positivo, al lettore.

In questo secondo volume, ai personaggi noti, se ne affiancano alcuni che saranno più o meno presenti per tutta la serie ma, soprattutto, si riprendono le fila di un discorso amoroso che vede la nostra protagonista con il cuore diviso a metà tra il bello e avventuroso Arthur e l'altrettanto affascinate, cinico e sprezzante Conforti.

Che dire, un romanzo che mi ha fatto sentire a casa, con personaggi facilmente riconoscibili, che piacciono perché sono ben costruiti e soprattutto sono reali ed umani.
Il mio preferito rimane il Commissario Calligaris che sembra essere uno su cui non scommettere nulla e che, al contrario, fa sempre centro con le sue intuizioni, un po' come Alice ma nella sua versione maschile, ecco.
La vicenda, rispetto al libro precedente, si fa intricata e sono molto più presenti termini tecnici del linguaggio medico che, forse, non sempre si riescono a seguire, specialmente leggendo il libro in viaggio o con un po' di rumori intorno, ma sinceramente non è niente di così incomprensibile.
Lo stile è sempre fresco, ironico e pungente. Come sempre re e regina del sarcasmo sono la Wally e Conforti e sono perfetti così, a parere mio, sebbene Conforti si sforzi di diventare più umano, a tratti.

Insomma, una lettura molto bella, leggera ma allo stesso tempo con dei contenuti che, seppure inseriti in maniera alternativa ad un romanzo drammatico, sono comunque ben identificabili.
Se avete visto la serie tv, sapete più o meno di cosa parla questo volume, perché sì, siamo ancora nella parte della storia che viene rappresentata lì. E' pur vero che molti elementi nel libro sono più approfonditi o diversi dalla serie, quindi se la serie tv vi è piaciuta, sicuramente dovete leggere anche i libri che sono molto più divertenti.
Vi consiglio questa serie??? SICURAMENTE SI.
Un romanzo perfetto per leggere un giallo che non sia eccessivamente pesante o difficile da seguire, i personaggi sembra conoscerli da sempre e il tutto rende la lettura confortante e ancora più piacevole da affrontare.

Non posso dirvi molto della storia di Alice, altrimenti toglierei il gusto di sapere come procedono i suoi guai d'amore e non, non vi resta, quindi, che leggere la serie e divertirvi a pensare al finale che potrà avere la sua love story.
Fatemi sapere se avete letto questo romanzo o la serie, cosa ne pensate e se avete già letto l'ultimo romanzo, io da parte mia sono rimasta indietro di degli ultimi due quindi lontano da me tutto quello che mi svela che fine ha fatto il cuore di Alice ;-)

Vi mando un abbraccio e vi auguro di fare buon viaggio tra le pagine dei vostri libri!!!

sabato 23 dicembre 2017

RECENSIONE "OMEGA. L'ARMATA DEI RIBELLI" di MAX PERONTI

SALVE A TUTTI VIAGGIALETTORI BENVENUTI O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!


Ragazzi, sono contentissima di parlarvi di questo libro per varie ragioni. La prima è che sono stata contattata, tempo fa, (chiedo scusa e spero di poter riparare ;-)) da Elisa l'addetta all'ufficio stampa della Saper Scrivere, un' agenzia di promozione letteraria che propone titoli e autori esordienti e non .Gentilmente mi ha chiesto se volessi leggere e recensire dei romanzi per loro, ho accettato, ovviamente, e sono molto contenta di potervi parlare di uno dei titoli che mi ha proposto.
L'altra ragione è che, quando sono andata alla fiera PIU' LIBRI, PIU' LIBERI di Roma, sono riuscita a conoscere l'autore e mi è sembrata una persona molto socievole e disponibile al dialogo ed affabile. Purtroppo in quella occasione avevo appena iniziato a leggere il suo libro, quindi non abbiamo potuto parlarne molto, ma appena tornata a casa mi ci sono fiondata subito. Ve ne parlerò meglio nel post, BUONA LETTURA!



TRAMA: Zorks è uno spietato imperatore che in pochissimo tempo è riuscito a mettere sotto la sua dittatura gran parte dei Regni di Panteia. Sangue e violenza si sono subito diffusi, ma nel marasma c'è anche chi ha deciso di non accettare i suoi soprusi. Omega, guerriero misterioso e dal volto coperto, decide di mettersi a capo di un esercito di ribelli che dall'Alzania muove contro Zorks e i suoi seguaci. Un romanzo pieno di battaglie, conquiste, sangue, tradimenti e intrighi che lascia il lettore con il fiato sospeso e la curiosità di conoscere cosa, Omega, sia riuscito a fare.

Titolo: Omega. L'armata dei ribelli
Autore: Max Peronti
Casa Editrice: Astro Edizioni
Anno: 2017
Pag: 292 (ebook)
Prezzo: 13,90 euro (cartaceo)




VALUTAZIONE: 



Bene, ormai è da un po' che volevo leggere un fantasy, avevo detto che avrei letto un altro titolo, ma poi la tentazione su questo e il fatto che dell'altro esiste solo il primo in italiano e gli altri in inglese mi hanno portato a questa scelta, ed ho fatto bene, quindi adesso datemi il seguito di OMEGA, tipo... ADESSO!!!

Va bene, facciamo che torno a fare la persona seria e vi racconto come è andata questa lettura.
La copertina di questo romanzo mi aveva attirato subito, tant'è che quando ho visto la versione cartacea, in fiera, sono andata subito a prenderla in mano (E fu lì che Max mi beccò:-) ), quindi già questo è un punto a favore, ma quello che mi ha attirato ancora di più è stata una trama che mi ha subito riportato alla mente il fantasy che piace a me, quello che richiama una sorta di Medioevo alternativo a cui si aggiungono maghi, nani, elfi e personaggi a dir poco improbabili da incontrare in questo genere di romanzi.

La storia di Omega. L'armata dei ribelli ci racconta di come la libertà sia un valore fondamentale da difendere, anche a costo della vita e la necessità di vivere per raggiungere questo scopo è quello che spinge Omega e i suoi alleati a portare avanti una missione ben difficile e intricata.

Tra le pagine del romanzo veniamo a conoscenza di un mondo dominato da violenza, schiavitù, soprusi e paura. Quasi un intero regno, quello di Panteia (di cui l'autore ci fornisce una descrizione dell'origine, oltre che la cartina ad inizio romanzo) che viene sottoposto al volere di un unico signore, Zorks, troppo impegnato in vanaglorie personali per accorgersi che non tutti i suoi sottoposti sono d'accordo con i suoi metodi.
Accanto a questi, ovviamente, ci sono tutti coloro che, mossi anche da motivi personali, vogliono fare di Panteia un Regno libero da tirannie.

La lettura ci permette di conoscere le vicende personali di Omega e dei suoi compagni: Manda, Evias, Jak, Roan e molti altri personaggi che, chi prima e chi dopo, faranno parte del suo esercito di ribelli. Sullo sfondo, la storia di Panteia e della sua creazione che l'autore inserisce utilizzando la tecnica del romanzo nel romanzo.
Insomma, una lettura densa di avvenimenti e personaggi che, seppure inizialmente disorientano il lettore, con il tempo ci si entra in confidenza e si riesce a collocarli tutti.

Ma adesso vi racconto nello specifico le mie impressioni che nel complesso sono buone, basta guardare le farfalle, ma ci sono cose che, da lettrice, avrei preferito fossero differenti, ma andiamo con ordine.

La lettura del romanzo mette in mostra le molte letture che l'autore ha fatto e da cui ha tratto ispirazione per creare Panteia e il suo popolo. Sicuramente una grande quantità di fantasy, ma ci sono tracce di altre influenze, probabilmente legate alla formazione dello stesso autore. L'antica Roma e Grecia fanno il loro ingresso nelle armi e nelle tattiche militari utilizzate durante le battaglie. 
Nella creazione delle religioni e delle credenze del popolo, come pure di alcuni personaggi, ho trovato leggende irlandesi, celtiche e nordiche come pure nella scelta dei nomi dei personaggi che non sono affatto scontati. E', quindi, la cura nel dettaglio che mi ha colpito molto di questo romanzo, a volte anche troppo, ma non in senso negativo.
E' vero, in alcuni tratti del romanzi ho pensato che delle cose fossero state inserite più per una affermazione di conoscenza dell'autore, nonostante l'escamotage utilizzato per il loro inserimento nel testo mi sia piaciuto, parlo, ad esempio della storia di Panteia. 
Per quanto riguarda il numero dei personaggi cui si dà voce non posso negare di aver fatto un po' di confusione all'inizio soprattutto quelli che vengono nominati solamente per un accessorio o per la loro capigliatura, poi ho capito di dover fare una selezione e mi sono concentrata sui principali della storia e la lettura è decisamente migliorata.

Omega è un personaggio che affascina proprio per la sua misteriosità, la maschera, la sua ritrosia a dare spiegazioni, a volersi avvicinare a qualcuno, a puntare la sua vita in una causa che, apparentemente, non sembra coinvolgerlo più di tanto. Allo stesso tempo è un personaggio che riesce a dare fiducia anche a chi lo conosce solamente di fama. 
Un altro personaggio che mi è piaciuto molto è Roan, il suo cambiamento e la volontà di convertire la sua conoscenza per una causa ben diversa da quella originaria mi sono piaciute molto e sicuramente potrebbe essere un co-protagonista della storia, visto le numerose pagine cui è dedicata la sua storia.

Insomma, qualche pecca c'è, non si può negare, capisco chi, non amando il genere, possa trovare difficoltà a seguirne la storia, ma vi assicuro che una volta entrati nel mondo dell'Alzania ne sarete catturati.
Alle battaglie per terra si affiancano quelle per mare, ai soldati umani si contrastano non-morti e magia oscura. Un romanzo ricco, denso di storie, di personaggi, di ideali e la giusta dose di conoscenza che permettono al lettore di figurare davanti a sé i campi di battaglia, come pure i personaggi. Un romanzo particolare ma coinvolgente, intrighi di corte e inganni politici fanno da sfondo ad una battaglia tra bene e male all'ultimo colpo.
Credo che ci siano delle buone basi per un romanzo che, poteva essere anche meno denso e meno pieno di diversità, ma che, forse, proprio per questi improbabili accoppiamenti ha finito per piacermi e affascinarmi.

Spero di avervi invogliato a leggere questo romanzo e che l'esito della mia recensione sia positivo :-) Ma soprattutto di non aver spifferato troppi dettagli anticipandone la sorpresa che mi ha accompagnato nella lettura.
Fatemi sapere se avete già letto questo romanzo o se vi possa piacere l'idea di farlo.
Vi mando un abbraccio e vi auguro di fare bellissimi viaggi tra le pagine dei vostri libri!

mercoledì 20 dicembre 2017

E' TEMPO DI REGALI... CONSIGLI PER GLI ACQUISTI... 2017

SALVE A TUTTI VIAGGIALETTORI BENVENUTI O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!

Se c'è ancora chi, come me, non ha ancora finito di fare i regali di Natale, chi non ha ancora idea di quali libri poter regalare... questo è il post che fa per voi!
Mi cimento in una selezione di libri che, indipendentemente dalla loro data di pubblicazione, vi suggerisco come possibili regalini da mettere sotto l'albero.
C'è da dire che i titoli sono delle scelte che mi piacerebbe ricevere... ma non credo che ciò avverrà, quindi mi limito a segnalare qualcosa a voi nella speranza che possa esservi d'aiuto ad allungare ulteriormente le vostre liste di libri da leggere o comprare :-)





Se siete amanti delle saghe familiari non posso non citarvi IL VENTO DI SAN FRANCISCO di HOWARD FAST. Primo di sei volumi dedicati alla storia si, di una famiglia, ma anche di una città, la San Francisco dei primi del 900. E' da un terremoto che tutto ha inizio e da lì la strada di Denny Lavette e della sua famiglia viene raccontata attraverso decenni di storia.
Per adesso sono usciti i primi tre volumi, ed è sicuramente una saga che ho intenzione di leggere non appena i volumi verranno tutti pubblicati.
Per ora abbiamo poi: SECONDA GENERAZIONE e ESTABLISHMENT









Per gli amanti dei romanzi storici non posso non citarvi AUGUSTUS di JOHN WILLIAMS autore del più fortunato STONER che leggerò, prima o poi, ma voglio cominciare con questo che già possiedo.  Jhonn Williams ripercosse la storia di Ottaviano Augusto nel suo dover assumere il potere dopo la morte dello zio. Un romanzo intimo che mi piacerà sicuramente, e spero che sia bello anche per voi ;-)







Un romanzo che mi attira come le api al miele è sicuramente L'ASSASSINIO DI FLORENCE NIGHTINGALE SHORE di JESSICA FELLOWS. Anche questo è il primo romanzo di una serie di sei gialli ambientati tra gli anni Venti e Trenta con protagoniste le sorelle Mitford.
Voi avete già letto questo romanzo?? Se si mettete il link alle recensioni o ditemi cosa ne avete pensato in un commento, ovviamente SENZA SPOILER!!! 
Grazie :-)













Altro romanzo che bramo e che prima o poi comprerò è 4 3 2 1 di PAUL AUSTER autore che ho conosciuto quest'anno con DIARIO D'INVERNO e che mi è piaciuto tantissimo. Adesso quello che mi domando è: Mi butto sul suo ultimo romanzo o prima mi leggo qualche altra cosa?? Fatemi sapere!
Un romanzo sulle possibilità diverse che si possono avere nella vita e soprattutto sui cambiamenti che scelte diverse ci possono portare. Attorno, la società moderna americana. Sono troppo curiosa!







Romanzo che mi attira non poco è LA BATTAGLIA DELLE TRE CORONE di KENDARE BLAKE. Le protagoniste di questo fantasy sono tre sorelle con poteri diversi, un solo trono, una battaglia all'ultimo sangue per occuparlo.
Mi ha convinto già quando non sapevo che sarebbe stato tradotto in italiano, poi la Newton Compton ha deciso di tradurlo e quindi... FELICITA'... non escludo l'acquisto in inglese, quando inizierò a leggere la storia :-)














NON STANCARTI DI ANDARE è la nuova Graphic Novel di STEFANO TURCONI e TERESA RADICE. Non ho ancora letto nulla di loro ma credo che questa non me la lascerò sfuggire. 
Una storia d'amore, di coraggio, di pazienza e di sofferenza che sicuramente commuoverà anche i cuori più duri.









Bene amici questi sono i miei consigli per gli acquisti natalizi, ho cercato di variare il più possibile per dare una possibilità a qualunque genere mi sia venuto in mente. Queste sono anche le uscite di questo fine anno che sicuramente, prima o poi , faranno parte della mi personale libreria e non vedo l'ora di leggerli. In effetti di tutti i libri che compro e che vorrei dico la stessa cosa, ma è così, la curiosità mi divorerà.
Spero che ci sia qualcosa che possa interessarvi e che possa essere un regalo per qualcuno che amate.
Fatemi sapere se li avevate già adocchiati o se li avete già letti, visti i miei tempi biblici con le novità non escludo di essere arrivata in ritardo anche questa volta... ah ah ah.
Vi mando un abbraccio grande amici e vi auguro di fare bellissime letture!!!

lunedì 18 dicembre 2017

CASSETTA DELLA POSTA... #20

SALVE A TUTTI VIAGGIALETTORI BENVENUTI O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!

Mi sono resa conto solo adesso di non avervi mostrato le nuove entrate in libreria degli ultimi due mesi, non considerando Dicembre con gli acquisti di PIU' LIBRI PIU' LIBERI a cui dedicherò un post a parte ormai il prossimo Gennaio. 
Anche per questi due mesi farò un unico post come ho fatto per Agosto e Settembre visto che ormai di tempo ne è trascorso.
Dei libri che vi mostrerò ne ho letto solamente uno e per fortuna mi è piaciuto molto, ma essendo il primo di una saga vorrei cercare di leggere entro il 2018 anche gli altri. Ovviamente la speranza che io lo faccia ce la metto, poi vedremo insieme come andranno a finire le cose!
Non mi perdo più in chiacchiere e vi mostro le entrate nella mia libreria del mese di OTTOBRE 2017:



Il primo libro che vi mostro è proprio I MEDICI. UNA DINASTIA AL POTERE di MATTEO STRUKUL. Primo di una tetralogia che racconta le vicende della famiglia Medici attraverso quattro figure importanti della casata in varie epoche differenti. Un romanzo storico di cui ho scritto una recensione che potete leggere, se ve la siete persa, cliccando sul titolo, e che mi è piaciuto molto. Le descrizioni dei personaggi, come pure delle ambientazioni e delle dinamiche politiche sono spiegate in modo da non dare noia ad un lettore che non apprezza particolarmente il genere storico e appassionando chi, invece, lo apprezza. Coinvolgente e intrigante, un romanzo che ti fa venire voglia di leggere subito i seguiti!




Libro chiacchieratissimo sul web e fortemente atteso da molti lettori è MAGIC di V. E. SCWAB scrittrice (dicono) talentuosa e particolarmente coinvolgente che ha realizzato una trilogia piena di colpi di scena. Io non sapevo della sua uscita in italiano e lo avrei letto in inglese, prima o poi, quindi appena l'ho visto in libreria, in uno dei miei giri senza particolari intenzioni, l'ho comprato ma ancora è lì ad aspettare il suo momento ;-)



Ultimo acquisto del mese di Ottobre è stato LO STUPORE DI UNA NOTTE DI LUCE di CLARA SANCHEZ. Questo è il seguito de IL PROFUMO DELLE FOGLIE DI LIMONE  che mi aveva incuriosito non poco e il cui finale aperto mi aveva lasciato un po' così :-/. Ho fatto ricerche e adesso, pur avendolo messo nella tbr del mese di Dicembre devo aspettare che la mamma finisca di leggerlo, ma entro Gennaio lo leggerò sicuramente, non voglio lasciarmi dietro troppe cose.

Così come ho fatto ad Ottobre anche per il mese di Novembre ho cercato di trattenermi, ma la ri-lettura di Orgoglio e Pregiudizio mi ha portato a fare un piccolo acquistino che, per fortuna, non mi ha svuotato le tasche, vista la presenza di sconti che hanno dimezzato i prezzi di copertina. Comunque, bando alle ciance e vi mostro le entrate di NOVEMBRE 2017:




Ho deciso di leggere le opere della zia Jane in ordine cronologico, a parte l'eccezione di Orgoglio e Pregiudizio che poi è secondo in questo senso. Per questo motivo ho cominciato a recuperare due suoi titoli: il primo è RAGIONE E SENTIMENTO di JANE AUSTEN, appunto. Ho letto pareri differenti, alcuni dicono che sia bellissimo ed altri che non sia all'altezza del più famoso. Quando lo leggerò vi farò sapere cosa ne penso.




L'altro titolo è MANSFIELD PARK terza opera pubblicata nella sua carriera. Si, lo so che sono versioni tutte diverse, ma io non sono una di quelle lettrici che per forza deve avere la stessa versione dei libri, per me l'importante è leggere la storia che contengono. Poi, ovviamente, scelgo delle versioni di cui ho già letto qualcosa e che mi hanno soddisfatto, come in questi due casi.




Autore di cui vorrei cominciare a leggere qualcosa, visto che i suoi libri riesco spesso a trovarli ai mercatini è PHILIP K. DICK con REDENZIONE IMMORALE. Il genere è tra fantascienza e distopia, a quanto ho capito, e ne sento parlare benissimo da una youtuber che seguo, quindi appena ho avuto l'occasione ho preso uno dei titoli che ha suggerito per iniziare ad approcciarsi a questo autore, chissà che non scoppi un nuovo amore :-)



Quest'ultimo acquisto è quello di cui vado più fiera, lo stavo puntando da una vita e finalmente sono riuscita ad acquistarlo a meno della metà del prezzo di copertina. De IL SERPENTE OUROBOROS di E. R. EDDISON so solamente che è un romanzo da cui Tolkien ha tratto ispirazione per la creazione delle sue opere. Visto l'amore che ho per questo scrittore ho preso subito la palla al balzo e l'ho comprato, speriamo bene!


Bene amici lettori, queste sono state le entrate dei mesi di Ottobre e Novembre. Sono riuscita a diminuire il numero delle entrate, sebbene i tempi di lettura siano molto rallentati, ma io sono fiduciosa e prima o poi il momento della loro lettura arriverà.
Fatemi sapere se avete letto qualcuno di questi romanzi e cosa ne avete pensato, se li conoscete o se avete qualcosa di nuovo da propormi, lo sapete ormai, sono curiosissima :-)
Vi mando un grande abbraccio e vi ringrazio per le visite che mi fate sia qui sul blog che sulla pagina, iscrivetevi, se vi va, ne sarei felicissima... A presto Viaggialettori :-)

mercoledì 13 dicembre 2017

RECENSIONE "STORIA DI UNA LADRA DI LIBRI"di MARKUS ZUSAK

SALVE A TUTTI VIAGGIALETTORI BENVENUTI O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!

Quella di oggi è una recensione che mi porterà a completare due delle sfide di lettura che ho iniziato quest'anno e a cui sono contentissima di aver partecipato e, pur avendo subito una battuta d'arresto, sono comunque contenta di aver conosciuto nuovi autori e nuove persone con la mia stessa passione, sto parlando de LA RUOTA DELLE LETTURE e della THE HUNTING WORD CHALLENGE.

Ma passo adesso a raccontarvi quali sono state le mie impressioni su questo libro e la sua storia, vi auguro una buona lettura.



TRAMA: Liesel è bambina adottata che si trova a vivere con una madre irascibile e scontrosa ed una padre dolce e pieno di attenzione nei suoi confronti nella Germania della Seconda Guerra Mondiale.
Liesel conosce la lettura grazie al suo nuovo papà e nasce in lei una passione infinita per i libri che la porta a compiere dei furti, pur di conoscere nuove storie.
Una storia di amicizia e di passione che si snoda in anni difficili e pieni di paura in una Germania che, credendosi vittoriosa e forte, vede cadere, gradualmente, i suoi ideali.


Titolo: Storia di una ladra di libri
Autore: Markus Zusak
Casa Editrice: Pickwick
Anno: 2015 (Ristampa)
Pag: 564
Prezzo: 14,00 euro




VALUTAZIONE:



Di questo libro se ne è fatto un gran parlare quando uscì il film ed io, come al solito, arrivo moooolto tempo dopo, ma non importa un granché giusto?
Un romanzo di cui tutti parlano benissimo e che ho messo un po' di pagine prima di riuscire ad apprezzare.
La mia passione per le storie ambientate durante gli anni delle guerre mi ha sempre portato a comprare romanzi che, in un modo o nell'altro mi sono piaciuti. Li compro, nella maggior parte dei casi, a scatola chiusa perché sono convinta che ogni storia può raccontarmi un piccolo pezzo in più di un epoca di cui si conoscono solo i morti e i bombardamenti.
Questo romanzo non è stata una eccezione al genere e sono contenta di averlo letto perché, per una volta, ci troviamo davanti la storia di un popolo che ha vissuto la guerra anche se non da "vittima", ma da elemento coinvolto nella storia del proprio paese.

I protagonisti di Storia di una ladra di libri sono i tedeschi della Germania del 1939, quando tutto ebbe inizio l'apice e la decadenza di un ideale che faceva capo ad un uomo che nel futuro vedeva solo la sua supremazia sul mondo.
Nello specifico Zusak ci racconta la storia di Liesel, una ragazzina di 10 anni che viene data in adozione ad una coppia di tedeschi molto particolari e con qualche piccolo scheletro nell'armadio in un periodo di terrore, paura.
Quella che viene raccontata in questo libro, però, non è solo la storia della Germania della guerra, ma è un romanzo che raccoglie al suo interno molte tematiche che vanno dalla Guerra, che fa da sfondo alla vicenda, all'amicizia, alla passione per la lettura, al valore di una famiglia che non necessariamente deve essere quella di nascita.
Una famiglia piuttosto strana quella in cui si ritrova Liesel, con due genitori all'opposto, una madre scorbutica e un padre dolce e gentile che la accoglie dandole il calore e l'affetto di cui aveva bisogno. 

La particolarità di questo romanzo è la voce narrante cui l'autore attribuisce sentimenti e poeticità, quasi a voler scongiurare la paura che si possa avere di lei. Non vi dirò di chi sto parlando, sebbene credo siano in pochi a non conoscere questa storia.

Il romanzo in se è ricco di immagini e avvenimenti che si susseguono in un crescendo parallelo anche alla gravità della situazione storica del periodo. Il tutto viene reso in modo realistico dalla presenza di questo narratore onnisciente che un po' conforta e un po' gioca con il lettore anticipando o accennando eventi che succederanno da lì a qualche pagina.
E' proprio questa interazione che mi è piaciuta di questo romanzo, sebbene inizialmente avessi fatto fatica ad entrare in sintonia con lo stile di questo autore.

Il personaggio di Liesel è molto ben caratterizzato, sia nel suo essere bambina che nella maturità inevitabilmente raggiunta per gli eventi della sua vita. Ma il suo essere solamente una bambina, se qualche volte il lettore lo dimentica, lo scrittore è pronto a ricordarlo attraverso eventi o gesti o interazioni con altri personaggi.
L'amicizia è un ingrediente importante, non solo per l'andamento della storia, quanto per la vita di Liesel e di suo padre, un tema che funge, in un certo senso, da motore per la vita di tutti i protagonisti. 
Ho apprezzato molto il fatto che Zusak avesse voluto creare i genitori come due personaggi che solo apparentemente si discostano tra di loro, la descrizione fisica che ne fa è uno degli elementi che li differenzia, come pure il diverso atteggiamento verso il mondo che li circonda.
Attorno alle figure dei nostri protagonisti, infatti, c'è una città devastata dalla povertà, dalla guerra e dai bombardamenti che la Germania subisce soprattutto dal 1942 in poi. Una realtà che coinvolge il lettore e che personalmente mi ha portato a leggere velocemente le ultime duecento pagine del libro.

Un romanzo bello, sicuramente, nostalgico e triste, anche. Un romanzo che ci racconta di come fare del bene in quel periodo non fosse sempre la cosa giusta da fare, anche se poi si è pronti a subire le conseguenze dei propri gesti. Un romanzo che insegna come l'amicizia sia importante per superare delle difficoltà. Un romanzo sulla passione per i libri che, sebbene rimanga sullo sfondo, mette in evidenza come una storia raccontata ci possa allontanare dalla paura e dalla preoccupazione ed essere salvifica.
Un romanzo sicuramente da leggere se si amano le storie di guerra ma anche se si vogliono riscoprire valori che vengono messi da parte, a volte.

Una bella lettura che mi ha accompagnato in questi primi giorni del mese e che sono molto contenta di aver portato a termine con una curiosità e un coinvolgimento crescenti.

Fatemi sapere se avete letto questo libro, se vi è piaciuto, se avete visto il film e cosa ne avete pensato. Spero di aver scritto una recensione decente e che vi abbia incuriosito, almeno un po'!
Adesso vi saluto cari amici, vi mando un abbraccio e vi auguro di fare bellissime letture!!!

giovedì 7 dicembre 2017

RECENSIONE "ASSASSINIO SULL'ORIENT-EXPRESS" di AGATHA CHRISTIE

SALVE A TUTTI VIAGGIALETTORI BENVENUTI O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!

Come state? Natale è alle porte e come al solito l'ansia della scelta dei regali prende il sopravvento su di me e mi impedisce di ragionare lucidamente su cosa regalare a chi... Mannaggia, credo che arriverò, come sempre, agli ultimi giorni per andare a farli:-/
Ma parliamo di libri e della lettura conclusiva del mese di Novembre... Un classico della letteratura gialla che non avevo ancora letto e che, come per gli altri, mi ha lasciato a bocca aperta. Ma vi racconto meglio nel post, buona lettura!!!




TRAMA: L'Orient Express è un treno a lunga percorrenza. Personaggi di estrazione sociale diversa si incontrano nel suo vagone ristorante, alcuni di loro sembrano conoscersi. Una notte, durante il viaggio, un ricco americano viene ritrovato morto nella sua cuccetta. Ercule Poirot si ritrova a dover indagare sui passeggeri alla scoperta dell'assassino.

Titolo: Assassinio sull'Orient Express
Autore: Agatha Christie
Casa Editrice: Mondadori
Anno: 2017 (Ristampa)
Pag: 216
Prezzo: 12,00 euro





VALUTAZIONE:




Vi capita mai di sentire la nostalgia di uno scrittore e quella pressante voglia di leggere un suo libro? Ecco, questo mi è capitato leggendo il libro della Christie di cui vi parlo oggi.
In realtà non mi ero neanche accorta che il film sarebbe uscito in questi giorni, l'ho letto semplicemente perché era da tempo che mi chiamava e ne ho approfittato per inserirlo nella THE HUNTING WORD CHALLENGE per la quale ho depennato la parola TRENO.

Non credo di dovervi dire che, nella maggior parte dei casi, i libri di Agatha Christie sono delle garanzie per i lettori che, trovandosi in un periodo di scarsa volontà o concentrazione, vogliono leggere qualcosa di interessante e non banale.
Anche per questa volta la Christie non mi ha deluso, e il personaggio di Poirot, con la sua ironia, mi ha conquistata ancora di più!

Il lungo viaggio da Instambul a Calais ci porta a conoscere tanti personaggi molto diversi tra loro ma legati assieme in maniera magistrale dall'autrice.
Un viaggio lungo, disseminato di impreviste soste per la neve, incontri più o meno piacevoli ed un brutale assassinio compiuto nei confronti di un ricco e scorbutico americano poco avvezzo alle conoscenze e volenteroso di ottenere un sostegno da Poirot, ma perché??
La storia che la Christie ci racconta è suddivisa in tre parti: nella prima parte ci vengono presentati i vari e numerosi protagonisti con alcuni elementi della loro storia personale, fino all'assassinio; nelle seconda parte ci sono le varie indagini e i colloqui che Poirot ha con i vari passeggeri. Le testimonianze ci permettono di conoscere ancora di più i personaggi, le loro particolarità, i motivi che li hanno portati sull'Orient Express e i possibili legami con la vittima. Nell'ultima parte c'è lo scioglimento delle indagini e la spiegazione degli eventi che hanno portato al risultato.

Assassinio sull'Orient Express è una ulteriore prova della fervida immaginazione di una donna che riesce a realizzare storie intricate e complicate per il lettore che rimane sospeso nell'attesa che il caso venga risolto, pur cercando, da sé di trovare la soluzione.
Anche per questa volta, però, i miei tentativi di scoprire l'assassino sono stati decisamente frantumati dalla conclusione del romanzo, ma questo non fa altro che alimentare ancora di più l'amore per questa autrice.

I personaggi della Christie vengono rappresentati sempre come se fossero degli angioletti innocenti e quindi, per natura, insospettabili,infatti non è sempre detto che proprio il cattivo di turno debba essere considerato l'assassino.
Quello che mi piace di questa autrice è il coinvolgimento e la partecipazione del lettore che, nonostante si trovi a leggere dei colloqui, viene comunque trasportato nel luogo in cui le vicende si svolgono.

Insomma, la Christie mi ha rapito ancora una volta con il suo Poirot, ironico e spocchioso, ma perspicace ed elegante nelle sue spiegazioni e indagini.
Un romanzo perfetto per il periodo delle feste, coinvolgente pur avendo al suo interno la stessa formula degli altri romanzi: Un luogo circoscritto, tanti personaggi coinvolti collegati tra loro e, in questo caso, la presenza di un uomo spocchioso e ironico che con un piccolo dettaglio riesce a risolvere i casi.

Voi avete letto questo romanzo o state facendo la corsa per poi vedervi subito il film? Io vi confesso che aspetterò, ero molto curiosa di vedere il film ma voglio far passare un po' di tempo, visto che ho scoperto chi è l'assassino!
Fatemi sapere se avete letto questa autrice e quali sono i vostri romanzi preferiti così metto in lista e piano piano recupero!
Vi lascio per preparare altri post, un abbraccio a tutti voi amici!!!

lunedì 4 dicembre 2017

TBR #14... OVVERO TENTIAMO DI DARCI UN ORDINE DI LETTURE... DICEMBRE 2017

SALVE A TUTTI VIAGGIALETTORI BENVENUTI O BENTORNATI SUL MIO BLOG!!!

Dicembre 2017... Ultimo mese e ultima TBR dell'anno... Vorrei scegliere talmente tanti libri che non mi basta un mese solo per leggerli e sicuramente con gli acquisti che farò a Roma tra qualche giorno già so che portare a termine queste scelte sarà veramente difficile, ma ci voglio provare lo stesso!
Faccio una rapida panoramica delle letture della TBR di Novembre e poi passo all'ultima decisione... Nel frattempo ci penso ancora un po' su :-)

Devo dire che le letture che ho scelto per il mese precedente non mi sono affatto dispiaciute, anzi, credo di aver assegnato a tutte 4 o 5 farfalle, quindi direi che andata benissimo... Cercherò, sperandolo, di replicare per la fine dell'anno!




I MEDICI. UNA DINASTIA AL POTERE di MATTEO STRUKUL è stata una lettura ricca, coinvolgente e troppo corta, nonostante io avessi trovato delle piccole pecche che, direi, ci possono anche stare.
Una parte della storia della famiglia Medici viene raccontata in modo scorrevole e dettagliato da uno scrittore di cui conosco la fama ma non avevo ancora letto nulla di suo.
Un romanzo storico ben fatto con delle descrizioni vivide che ti trasportano nella Firenze della fine del Quattrocento tra intrighi, inganni, tradimenti, passioni e dolori.
Un romanzo molto bello che consiglio sicuramente, e di cui leggerò i seguiti, a breve, spero!









Una rilettura quella di ORGOGLIO E PREGIUDIZIO di JANE AUSTEN che mi ha portato ad un nuovo amore letterario e ad un cambio radicale di opinione. Ho intenzione di leggere tutte le opere della Austen e spero di farlo in tempi non troppo biblici. Mi rendo conto che lo dico di tutti i libri che compro ma è davvero così. La famiglia Bennet ed Elisabeth sono dei protagonisti davvero divertenti e appassionanti, nonostante le loro diversità siano plateali, o forse proprio per questo. Mr. Darcy è l'uomo che tutte vorrebbero avere al proprio fianco, anche se il suo rapidissimo innamoramento vitale un po' mi spaventa ;-) Ovviamente, consigliato anche questo!!!





ASSASSINIO SULL'ORIENT EXPRESS di AGATHA CHRISTIE non potevo non leggerlo in pieno inverno con l'arrivo del freddo e del gelo che dalle mie parti ha deciso di alternarsi a caldi primaverili... MAH!
Un romanzo stucchevole, con un finale che vi lascerà senza parole e l'incontro di personaggi misteriosi con i quali Poirot dovrà avere a che fare nel corso del lungo viaggio da Istambul a Calais.
Ottimo per i regali di Natale se avete qualcuno che ancora non ha letto nulla di Agatha Christie, ne rimarrà conquistato.
La recensione uscirà giovedì, non perdetevela!!!






Passiamo adesso alle letture scelte per questo DICEMBRE 2017:




IL GUARDIANO DEGLI INNOCENTI di ADRZEJ SAPKOWSKI è il primo libro della storia di GERALT DI RIVIA di cui ho letto, tempo fa LA STAGIONE DELLE TEMPESTE, cioè l'ultimo volume che non è altro che un romanzo in più e collaterale alla serie vera e propria. Ho deciso quindi di sgraffignare i vari volumi dalla libreria del fratellonzio e iniziare e terminare la serie entro il 2018 (incrociamo le dita).
Questo libro, in particolare, è una raccolta di racconti con il quale lo scrittore ci presenta il personaggio e le sue origini e devo dire che sono molto curiosa di conoscerlo  e scoprire come è diventato uno strigo.









Seconda lettura che vorrei fare per questo mese è LO STUPORE DI UNA NOTTE DI LUCE di CLARA SANCHEZ. Ho letto il primo volume di questa duologia IL PROFUMO DELLE FOGLIE DI LIMONE e mi era piaciuto molto, così appena ho potuto sono andata a comprare questo volume. 
La speranza è quella di una degna conclusione, quindi leggerlo è la sola cosa che posso fare per saperlo :-)
Ovviamente riesco pure a terminare una delle storie che ho cominciato nel corso dell'anno e la cosa mi rende ancora più felice :-)










Come classico del mese vorrei portare a termine la lettura di un romanzo che ho cominciato quest'anno, credo, e che non ho continuato a leggere per vari impedimenti che si sono succeduti nel tempo. LA PIETRA DI LUNA di WILKIE COLLINS è un romanzo che mi stava piacendo molto e credo che sarà la causa di un nuovo amore letterario per i gialli d'altri tempi.
Questo sarà il mio primo approccio con l'autore e spero di avere un esito positivo, anche perché ho comprato, al buio, quasi tutti i suoi romanzi... PAZZA SI, ma consapevole!






Bene amici, anche per questo mese ho cercato di variare un po' le letture da portare a termine. Il 2017 è stato un anno pieno di cambiamenti e impegni che mi hanno scombussolato la vita da lettrice e credo che anche per questo mese le cose non saranno diverse. Diciamo che mi voglio consolare con il fatto che i giorni di festa sarò libera da impegni e quindi potrò dedicarmi di più alla lettura.
Ovviamente a queste letture spero di aggiungerne altre, altrimenti non fa nulla, vi parlerò di queste e vi racconterò le mie impressioni su di loro.

Fatemi sapere come saranno i vostri programmi di lettura me questo ultimo mese dell'anno, sono curiosa di conoscere nuovi titoli, magari da affrontare nel 2018.
Vi auguro di fare bellissimi viaggi tra le pagine dei vostri libri, un abbraccio, a presto!!!